ll mondo di Soledad Blythe

Una  sera silenziosa, verso le 23, ricevetti un sms da una persona a me molto cara: “Guarda questa bambolina, ti somiglia! L’artista che l’ha creata si fa chiamare Soledad, proprio come te”. Guardai la foto in allegato e rimasi incantata. Questo è stato il mio primo incontro con il mondo di Soledad Blythe di cui vi racconterò la storia…

13407706_10209392846760787_807275874_n

Bamboline dal visino carino, seducente e a tratti malinconico, a volte ammiccante. Sono i piccoli grandi capolavori di Alessandro, un artista torinese, alias Soledad Blythe, che riproduce la bellezza e gli umori dell’adolescenza misteriosa e intensa permeata di sensualità.
«L’idea nasce nel dicembre del 2014 – racconta Alessandro-. Durante una serata trascorsa con amici, gironzolando su internet, in particolare su Instagram, mi sono imbattuto in queste creature bellissime di cui non conoscevo l’esistenza. Da allora le Blythe hanno monopolizzato tutto il mio tempo libero.»
Blythe è una tipologia di bambola nata e prodotta inizialmente negli anni settanta negli Stati Uniti. Le caratteristiche?  Testa grande, corpo minuto, 28 centimetri di altezza e abitini sfiziosi.13400965_10209392854000968_759673523_n

«Ho svolto numerose ricerche per capire cosa fossero e come poterne avere una – prosegue Alessandro –  Non è stato semplice, in Italia non esiste un mercato vero e proprio di Blythe. Le ricerche mi portavano tutte all’estero. Ho contattato una customizzatrice spagnola per saperne un po’ di più: i prezzi erano esorbitanti e fuori dalla mia portata; così ho deciso di imparare da solo attraverso l’aiuto di YouTube, gruppi su Facebook e tutorial
E così, per caso e per passione, nasce il progetto “Soledad Blythe”: partendo da uno standard, Alessandro trasforma semplici maschere di plastica in creaturine bellissime ed affascinanti.

soledad_01«Ci son voluti mesi e mesi di prove e tentativi per arrivare ai risultati di oggi: e non si smette mai di imparare – racconta Alessandro – Gli spunti arrivano dal web e poi dalla mia fantasia sempre al lavoro, sempre fervida ed attenta.»

Ma chi è Alessandro?
È un ragazzo siciliano dalla spiccata sensibilità, due occhi verdi grandi così, bello, malinconico, padre pittore e scultore e madre casalinga.
«Mio padre è sempre stato un esempio da seguire – spiega l’artista – Con i suoi quadri le sue sculture mi ha insegnato la cura e l’utilizzo dei colori. Nonostante le difficoltà della vita e del lavoro che in Italia non c’è, mi sono sempre rimboccato le maniche e ho continuato a disegnare, dipingere, mi sono avvicinato alla scultura.»
Poi è arrivato l’incontro speciale con le bambole di cui Alessandro ha subito il fascino. Due anni fa nasce Soledad Blythe, progetto con cui il nostro artista approfondisce giorno, dopo giorno la sua passione e la sua attrazione fatale; le sue preferite sono le bamboline bionde: algide ma allo stesso tempo nostalgiche e malinconiche come il nostro artista solitario. Con le sue bambole Alessandro sta cercando di mettere le basi per un mercato italiano di Blythe: «Al momento comprano le mie bambole da America, Australia, Spagna, Francia Inghilterra. A volte, noi italiani, siamo poco apprezzati nella nostra terra e ci tocca guardare all’estero per ricevere sostegno e riscontri positivi.»

13410693_10209392856681035_577612498_o.jpg

La parte più difficile nella creazione delle Blythe, secondo Alessandro, è il reperimento del materiale, poi ci sono i tempi di consegna e i contatti con gli esercenti.
«Tutto rigorosamente in lingua inglese – conclude Alessandro-  Queste bimbe sono la nostra salvezza, ci portano in mondi fantastici, ci regalano tanto e ci chiedono poco in cambio!»

Per contattare Soledad Blythe: https://www.etsy.com/it/shop/BlytheMe78

 

 

 

Annunci

3 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...